Proposta di leggi del Partito Oligarchico Italiano

PARTITO OLIGARCHICO ITALIANO

Le leggi sono in continuo aggiornamento, scrivi alla pagina alla sezione “contatti” o su Facebook (Partito oligarchico Italiano) per suggerimenti.

  1. Abolizione del diritto di voto agli ignoranti tramite test in cabina elettorale.
  2. Reato di spaccio di false notizie.
  3. Tassa sui punti esclamativi e sul caps lock nei commenti su Facebook per estinguere definitivamente il debito pubblico.
  4. Fare esprimere la plebe è importante: elezione diretta dell’allenatore della Nazionale e della conduttrice di Domenica In come sostituzione al diritto di voto.
  5. Piero Angela in diretta e a reti unificate 365 sere all’anno. In caso di malattia o necessità di riposo vada per Alberto.
  6. Ore tre di lavori forzati per la pronuncia della parola “buonista”.
  7. Riforma Costituzionale: abolizione di Camera e Senato, troppa gente. Un tavolo di sette-otto posti per prendere decisioni è più che sufficiente.
  8. Rastrellamenti casa per casa per scovare gli spettatori dei reality.
  9. Inserimento dell’analfabetismo funzionale fra le malattie contagiose e attuazione di programmi di quarantena per la tutela della salute pubblica.
  10. Somministrazione di olio di ricino e di bastonate oltre che simulazioni di campagne di Russia in congelatori appositamente progettati e distruzione della propria abitazione come sanzione amministrativa a chi esprime tale concetto: “Ha fatto anche cose buone”.
  11. Anche legge “aut aut”. Chiunque si laurei con profitto perderà automaticamente il diritto di espatrio. 11bis Gli studenti della fantomatica “Università della strada” parteciperanno invece al programma “Erasmus solo andata”
  12. Anche “sanfrancescum”. Chiunque pronunci la suddetta frase, “gli animali sono meglio degli uomini”, verrà prelevato nel cuore della notte senza alcun preavviso dalle Forze Speciali e trasferito nella giungla amazzonica per mezzo aereo con lo scopo di favorire l’interscambio con altre specie. Le spese di trasporto saranno tutte a carico dello Stato.
  13. Anche “regressus simiis”. Tutti coloro che per mezzo vocale o mediante utilizzo di tastiera pronuncino tale frase “non sono razzista ma…” saranno soggetti ad ammenda amministrativa da euro 13 ad euro 42 e al blocco immediato del pollice opponibile per mezzo di chirurgia offerta gratuitamente dal SSN.
    13 bis: tutti i numerosi casi in cui già era assente il pollice opponibile subiranno asportazione totale delle rimanenti falangi ad eccezione dell’anulare, che tanto non serve.
  14. Con la riforma 14 vi annunciamo l’unica Grande Opera in programma: la Piramide Oligarchica (che sorgerà sulle ceneri del fetido simbolo della plebaglia ex dominatrice: l’ Autogrill di Roncobilaccio Ovest)
    Tutti coloro sorpresi a pronunciare per mezzo vocale la frase “si stava meglio quando si stava peggio” saranno condannati per direttissima al divieto perenne di utilizzo di qualsivoglia ruota e mesi otto nei cantieri della Grande Piramide Oligarchica.
  15. Riforma 15, anche “Buongiornissimum”. Chiunque si dedichi alla pratica della motivazione simulando fantomatiche conoscenze e/o ordinando a terzi di provare qualsivoglia indignazione mediante l’utilizzo del verbo “svegliare” e delle sue declinazioni sarà condannato all’alterazione definitiva del ciclo sonno-veglia per mezzo di intervento chirurgico nella zona dell’ipotalamo con lo scopo unico di annullare per sempre la capacità di dormire.
  16. Riforma 16, anche “manus stercoris”. È previsto il trasferimento in preposte aree militari di tutti i passeggeri imbarcati su voli civili nazionali e/o internazionali che nel momento dell’atterraggio si apprestino a fare applausi. I timidi tentativi di tale pratica verranno considerati al pari degli applausi effettivi in quanto tentativo di reato con intenzionalità. Nel momento del volo i singoli perderanno identità individuale, venendo così considerati soggetto collettivo con gli altri passeggeri. L’applauso di uno è considerato pertanto reato di tutti.
    È prevista inoltre la quarantena per giorni 120.
    Il personale di volo potrà costituirsi parte lesa nel processo.
  17. Riforma 17, [POST LUNGO] anche “Lex pudoris”. Tutti gli addetti preposti a servizi di pubblica sicurezza potranno interrogare a sorpresa i cittadini presenti sul territorio nazionale sottoponendoli a brevi test di grammatica italiana. L’infrazione di una regola comporta le seguenti pene:
    -“Ha” scritta senza la lettera “H”: multa fino a 17 mila euro e sequestro di tutti beni mobili e immobili in possesso del trasgressore.
    -Congiuntivo errato: arresto fino a mesi nove e fino a mesi quattro in prova in una biblioteca di pubblica lettura.
    -Pò con l’accento: obbligo di dimora. Per un po’.
    -“Apparte tutto”: Umiliazione pubblica nella piazza del comune di residenza.
    Si indice infine un referendum consultivo per le restanti infrazioni ( qual’è, và, si stà, mi fà male, daccordo, accellerare, uscire+ complemento oggetto, non c’è la posso fare” ecc..).
    Verranno conteggiati i commenti al post come voti validi.
    La definizione delle pene dovrà passare attraverso il parere dell’unico potere giuridico riconosciuto dal POI: l’Accademia della Crusca.


18. Riforma 18, anche “Praesidio dignitatis”. L’organizzazione e la promozione di buffet e qualsivoglia dispensa di alimenti a titolo gratuito dovrà essere comunicata al Prefetto entro e non oltre mesi otto antecedenti alla data dell’evento. La forza pubblica predisporrà altresì agenti in tenuta antisommossa in tutta l’area interessata e, se necessario, bloccherà o devierà il traffico per ragioni di pubblica sicurezza. Il mancato rispetto del proprio turno, l’eccesso di smania e una porzione di cibo superiore al 25% del proprio GDA (dose giornaliera consigliata) saranno puniti per mezzo dell’arresto immediato con l’accusa di devastazione e saccheggio, pena da otto a quindici anni come da vigente norma.
19.
Riforma 19 “Rullum supra bullum” Chiunque polleggi sulle bacheche dei social network pubblicando o condividendo frasi con il preciso scopo di descriversi quale persona per cui provare timore sostituendo alla propria immagine quella di Vin Diesel e/o Will Smith e/o un pugile e/o Benito Mussolini verrà condannato a subire vessazioni casuali, secondo il diletto dell’oligarca di turno.

Aggiungere frasi quali “Ci sn persone falze ke…”, “Kapito?”, “State attenti” e “nn ho paura a mandare la gente a fankulo” costituiranno altresì aggravanti.


20. Riforma 20 della famiglia: test di intelligenza per le coppie che vogliono procreare e punteggio minimo per ottenere il nulla osta alla riproduzione.
Le categorie di candidati genitori che rientreranno nelle categorie qui elencate saranno soggette a castrazione/sterilizzazione chimica:
-Padri e madri contro i vaccini.
-Padri con le sopracciglia a gabbiano.
-Madri sempre vestite di rosa.
-Elettori di Adinolfi.
-Telespettatori di Striscia la Notizia.
21. Riforma 21, anche “monitus inabile”.
Chiunque pensi che il ruolo di governo possa essere svolto da un membro del popolo purché onesto e/o patriota e/o imprenditore di successo e/o padano verrà condannato a:
-Essere operato da aspirante chirurgo scelto per mezzo del voto
-Giudicato colpevole da un laureato nel corso magistrale a ciclo unico dell’ “Università della vita”.
– Pagamento di tasse stabilito da un collegio di macellai (ho fatto duemila tondi, lascio?)
La condanna verrà decisa da un gruppo informe che sancirà eventuali pene accessorie per acclamazione o mediante omologato applausometro. 22. Con la Riforma 22 annunciamo la seconda Grande Opera del Partito Oligarchico Italiano. IL GRANDE GHETTO DI GORINO.
Presunti manifestanti la cui principale caratteristica consiste nell’aver passato l’intera esistenza accettando le peggiori nefandezze del mondo nel più totale silenzio e che trovano diletto nel costruire barricate contro donne e bambini avranno l’onore di essere i primi a partecipare al progetto pilota “Un mattone per Gorino”. A distanza di metri 250 dalle stesse barricate verrà infatti costruito un muro che chiuderà il perimetro della Città, dando vita al Ghetto. Le catapulte di Stato, a cadenza trimestrale, lanceranno all’interno del suddetto corpi inanimi di animali in stato evidente di putrefazione con il preciso compito di diffondere, per quanto possibile, la peste bubbonica, malattia epidemica che rispetta le finalità espresse più volte dal POI in campagna elettorale: modernità con un immancabile tocco vintage. 

Privacy Policy