Non sappiamo essere fieri - Cavoli a colazione 1

Non ho visto molti parlarne: alla televisione, sui giornali e alla radio è sfuggito o si è spesa non più di qualche parola isolata.

A mio modesto avviso credo meriti di essere menzionato: secondo l'Ocse la scuola italiana è la migliore a colmare il gap tra studenti ricchi e poveri dimostrandosi un sistema pubblico capace di frenare il divario di prestazioni tra più e meno abbienti.

Nell'epoca della competizione sfrenata e del crollo degli apparati democratici tradizionali, l'eccellenza delle istituzioni e i risultati positivi di una comunità dovrebbero essere notizie sulla bocca di tutti.
È proprio un peccato che proprio la bocca di tutti sia diventata la cloaca dell'insulto e della lagna, che si sia trasformata in un coro di lamentele.

Abbiamo perso l'occasione per fare i complimenti ad un'intera categoria, di dargli stimolo per formare al meglio la futura classe dirigente del nostro Paese, ma abbiamo deciso di continuiamo a mandare i nostri figli nella scuola fallimentare «dell'Italia dove non funziona mai niente»

Visualizza i commenti

Get the latest posts delivered right to your inbox.

Privacy Policy